Focus

Amministratore di fatto e di comodo: quando rischia il reato di bancarotta

Sommario

Premessa | L’amministratore di fatto delle società | La bancarotta fraudolenta | L’amministratore di fatto non risponde della bancarotta fraudolenta se partecipa ad una singola operazione |

 

L’amministratore di fatto non risponde del reato di bancarotta se partecipa ad una singola operazione distrattiva. Infatti, per una condanna di natura penale occorrono una serie di ulteriori elementi che non possono essere circoscritti ad una sola operazione. In questi termini si è pronunciata la Corte di Cassazione con la sentenza del 9 giugno 2014, n. 24051, ritenendo dunque necessari per la condanna a tale tipologia di reato indici sintomatici ulteriori. L'occasione è utile per tracciare un quadro completo, sulla scorta di alcuni recenti orientamenti giurisprudenziali, in relazione al problema dei c.d. amministratori di fatto e amministratori di comodo “teste di legno”, messi ai vertici delle società commerciali.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >