Focus

Fusione infra-gruppo tra soggetti IAS e affrancamento della Riserva Opi 2

13 Febbraio 2017 | , Fusione: deliberazione, effetti ed invalidità

Sommario

Premessa | Il trattamento contabile dell’operazione di fusione: l’Opi 1 e l’Opi 2 di Assirevi e le “Business combinations of entities under common control” | La normativa sull’affrancamento | La tesi positiva dell’istante sulla possibile applicazione della disciplina fiscale del riallineamento alla riserva negativa di patrimonio netto “Riserva Opi 2” | La tesi negativa dell’Agenzia delle Entrate: la riserva negativa di patrimonio netto non può essere oggetto di riallineamento | Conclusioni |

 

Con una recente risposta ad istanza di interpello ordinario, ai sensi dell’art. 11, comma 1, lett. a) della L. n. 212/2000, l’Agenzia delle Entrate afferma, o meglio conferma, che in caso di fusione tra due soggetti appartenenti al medesimo gruppo, i “maggiori” valori riferiti ai beni della società incorporata, ed imputati, nel bilancio della società incorporante, a rettifica del Patrimonio netto, in apposita Riserva negativa, non possono ottenere riconoscimento fiscale accedendo ai regimi di affrancamento “ordinario”, di cui all’art. 172, comma 10-bis TUIR, o “speciale”, di cui all’art. 15, comma 10, D.L. n. 185/2008.

Leggi dopo