Giurisprudenza commentata

Il criterio della “ragionevolezza” quale limite all’operatività della regola della business judgement rule

06 Febbraio 2018 | ,

Cass. Civ.

Amministratori di s.p.a.: nomina, revoca e compensi

Sommario

Massima | Il caso | Le questioni giuridiche | Osservazioni |

 

In tema di responsabilità dell’amministratore di una società di capitali per i danni cagionati alla società amministrata, l’insindacabilità del merito delle sue scelte di gestione (c.d. business judgement rule) trova un limite nella valutazione di ragionevolezza delle stesse, da compiersi sia ex ante, secondo i parametri della diligenza del mandatario, alla luce dell’art. 2392 c.c., sia tenendo conto della mancata adozione delle cautele, delle verifiche e delle informazioni preventive

Leggi dopo

Le Bussole correlate >