News

Cessione d’azienda sotto condizione: iscrizione e comunicazione

24 Maggio 2019 |

Cons. Naz. Notariato e Unioncamere - Orientamenti della Commissione Tecnico-Giuridica - 2 maggio 2019

Cessione d'azienda

Il notaio è tenuto entro 30 giorni ad iscrivere nel registro delle imprese l’atto di cessione d’azienda.

 

Se l’atto è sottoposto a condizione sospensiva, risolutiva o con riserva di proprietà, il verificarsi o meno di tali condizioni o l’avvenuto saldo del prezzo in caso di trasferimento con riserva della proprietà devono essere comunicati al registro delle imprese. Ma a chi spetta tale onere?

 

 

Il consiglio nazionale del notariato ha recentemente chiarito che mentre il notaio, che ha redatto l’atto di cessione, ha sicuramente l’obbligo di iscrivere tale atto, non è però obbligato, ma ha solo la facoltà di effettuare la comunicazione circa l’avveramento o meno della condizione.  I soggetti interessati devono, perciò, porre particolare attenzione all’effettivo adempimento di tale onere.

 

 

Il consiglio ha, inoltre, chiarito che la comunicazione non è soggetta al termine di 30 giorni; perciò non è prevista alcuna sanzione in caso di ritardo.

Per quanto riguarda le modalità di comunicazione, queste dipendono dalla natura giuridica della condizione:

-se consiste in un evento il cui verificarsi può essere documentato tramite un ulteriore atto, va depositato tale secondo atto;

- se si tratta di un evento il cui verificarsi può essere accertato tramite documenti  o atti, bisogna allegare la relativa documentazione;

- se l’evento consiste in un atto autonomo soggetto al deposito nel registro delle imprese (come un atto di fusione o scissione), si può fare un rinvio al deposito di tale atto.

Leggi dopo