News

Pratiche commerciali aggressive

20 Giugno 2019 |

C.Giust. UE 12 giugno 2019 n. C-628/17

Contratti

La modalità di stipulazione o di modifica dei contratti per la fornitura di servizi di telecomunicazioni in forza della quale il consumatore deve assumere la decisione definitiva di natura commerciale in presenza di un corriere, all'atto di consegna del modello contrattuale, senza poter consultare liberamente il suo contenuto durante la visita di detto corriere, non costituisce una pratica commerciale aggressiva.
Non rappresenta infatti un indebito condizionamento il fatto che non siano stati inviati al consumatore in anticipo e in modo individuale, segnatamente mediante messaggio di posta elettronica o spedizione al suo domicilio, tutti i modelli contrattuali.

 

Costituisce, invece, una pratica commerciale aggressiva mediante indebito condizionamento, il comportamento sleale del professionista o del suo corriere che abbia l'effetto di esercitare una pressione sul consumatore limitando considerevolmente la sua libertà di scelta, perturbando la sua riflessione sulla decisione di natura commerciale da assumere.

 

Nel caso concreto l'Autorità polacca per la tutela della concorrenza e dei consumatori aveva ingiunto ad una società di telefonia di cessare l'imposizione al cliente di sottoscrivere il contratto di fornitura in presenza di corriere senza la possibilità di una libera consultazione del contenuto. La corte di Giustizia Europea ha, invece, ritenuto che tale modalità di stipula non costituisca una pratica aggressiva; la libertà di scelta commerciale del consumatore è strettamente connessa alla qualità delle informazioni ricevute dal professionista e nel caso di specie il consumatore aveva la possibilità di accedere alle informazioni sui modelli di contratto, potendo liberamente ordinare sul sito web i beni offerti dalla ditta.

Leggi dopo