Quesiti Operativi

L’imposta di registro per l’atto transattivo con l’erede giudizialmente riconosciuto tale

 

A seguito di una causa, Caio si vede giudizialmente riconosciuto erede di Sempronio. Alla luce di questo epilogo, gli altri eredi di Sempronio decidono di offrire a Caio una somma di denaro a tacitazione di qualsivoglia pretesa presente e futura riguardante la massa ereditaria, in relazione alla quale si erano avute varie revocatorie e annullamenti di atti di disposizione, ritenuti dal giudice, nel corso del giudizio in parola, lesivi della quota legittima di Caio. Ciò premesso, si chiede di conoscere se l’atto transattivo che dovesse essere sottoscritto tra Caio e gli altri eredi di Sempronio sia soggetto all’obbligo di registrazione presso l’Agenzia delle Entrate, oppure se detta registrazione sia solo facoltativa (in caso d’uso).

Leggi dopo