Bussola

Associazione in partecipazione

16 Febbraio 2016 |

Sommario

Inquadramento | Introduzione | Aspetti fiscali | Aspetti contributivi | Riforma Fornero | Stabilizzazione dei rapporti | Le scritture contabili | Riferimenti |

 

L’associazione in partecipazione, disciplinata dall’articolo 2549 c.c., è il contratto mediante il quale l’associante attribuisce all’associato una partecipazione agli utili della sua impresa o di uno o più affari, verso il corrispettivo di un determinato apporto. L’apporto può essere di varie tipologie: capitale, lavoro oppure misto e determina il trattamento fiscale degli utili ricevuti da parte sia dell’associato che dell’associante. La Legge n. 92/2012, nota anche come riforma Fornero, novellando l’art. 2549 c.c., è intervenuta sulla disciplina dell’associazione in partecipazione introducendo limiti volti a garantire la genuinità del contratto scongiurando un uso distorto del contratto che sia sostitutivo dei rapporti di lavoro dipendente. In particolare i nuovi limiti riguardano il numero massimo di associati con cui ciascuna impresa potrà instaurare rapporti associativi, l’obbligatorietà nella consegna del rendiconto di gestione e la sua sottoscrizione, nonché i contenuti della prestazione dell’associato qualora non sia connotata da elevate capacità tecnico - pratiche.

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento