Bussola

Cambiale tratta

04 Settembre 2014 | ,

Sommario

Inquadramento | Introduzione | Caratteristiche del titolo | L’accettazione | La marca da bollo | L’avallo | La girata | Il pagamento | Sconto degli effetti | Riferimenti |

 

La “tratta” (o cambiale tratta), introdotta nell’ordinamento italiano dal r.d. 14 dicembre 1933 n. 1669, è un titolo di credito all’ordine in cui un soggetto creditore, detto traente, ordina ad un altro soggetto, suo debitore, detto trattario, di pagare ad un terzo soggetto, beneficiario (o prenditore), una determinata somma, in un determinato luogo ed ad una certa data. Le caratteristiche che, principalmente, la differenziano da un “vaglia cambiario" sono: l’ordine di pagamento, e non la promessa; l’accettazione da parte del trattario di diventare obbligato cambiario. La cambiale tratta consente ai beneficiari di trasferire il proprio credito ad un altro soggetto attraverso la girata.

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento