Bussola

Fusione: disciplina generale

18 Ottobre 2018 |

Sommario

Inquadramento | Forme, effetti e limiti della fusione | La prima fase del procedimento di fusione: il progetto | La seconda fase del procedimento di fusione: la decisione | La conclusione del procedimento: l’atto di fusione ed i suoi effetti | Le fusioni semplificate | Riferimenti |

 

La fusione è un'operazione straordinaria attuata mediante un procedimento complesso articolato in più fasi, all'esito del quale due o più società confluiscono in un unico ente collettivo, preesistente o di nuova costituzione. Finalità tipica di tale operazione, specie quando vi partecipano società indipendenti, è realizzare una concentrazione, economica e giuridica, tra imprese per creare un'organizzazione con maggiori dimensioni aziendali ed una rafforzata posizione sul mercato, migliorare l'efficienza produttiva contenendo i costi ed, eventualmente, limitare la concorrenza. L'istituto, disciplinato dagli artt. 2501 e seguenti del codice civile, è stato introdotto nel 1991 con il d.lgs. n. 22, emanato in attuazione delle Direttive del Consiglio delle Comunità Europee n. 78/855 (c.d. Terza Direttiva del 9 ottobre 1978) e n. 82/891 (c.d. Sesta Direttiva del 17 dicembre 1982). L'attuale disciplina è tuttavia il risultato dell'intervento di riforma del 2003, di cui al decreto legislativo n. 6 che, in attuazione dei principi imposti dalla legge delega n. 366/2001, nonché nel rispetto dei vincoli di derivazione comunitaria, pur lasciando inalterati i tratti essenziali dell'istituto, ne ha precisato il procedimento, semplificandolo in alcune particolari ipotesi. Ulteriori semplific...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Focus

Focus

Su Fusione: deliberazione, effetti ed invalidità

Vedi tutti »

Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Su Fusione: disciplina generale

Cassa integrazione e fusione
di Teresa Zappia

Vedi tutti »