Bussola

Immobilizzazioni materiali

Sommario

Nozione | Il ciclo della vita delle immobilizzazioni materiali | Aspetti civilistici | Acquisto delle immobilizzazioni materiali | Aspetti contabili | Casi particolari di acquisto | Aspetti fiscali | Costi accessori di acquisto | Altri modi di acquisizione | Aspetti civilistici | Aspetti contabili | Riferimenti |

 

Le immobilizzazioni materiali sono date dai fattori durevoli che possiedono il requisito della materialità e possono essere suddivise a loro volta tra: immobilizzazioni materiali tecniche, utilizzate per lo svolgimento dell'attività produttiva per cui l'azienda risulta costituita (impianti, macchinari, attrezzature, fabbricati industriali ecc.); immobilizzazioni materiali accessorie, così definite in quanto non risultano necessarie all'attività produttiva aziendale (fabbricati di civile abitazione ceduti in locazione a terzi, terreni agricoli posseduti da un'azienda industriale ceduti in locazione ad agricoltori ecc.). Le immobilizzazioni materiali sono beni di uso durevole impiegati per la produzione e la commercializzazione di beni e servizi. Non rientrano nella categoria quei beni che, per mutate esigenze produttive, non sono più necessari all’attività dell’impresa e che quindi saranno destinati alla vendita.   I beni strumentali eliminati dal processo produttivo e destinati alla vendita non dovranno essere classificati nelle immobilizzazioni materiali, ma nell’attivo circolante.   Le immobilizzazioni materiali rappresentano costi sostenuti e comuni a più esercizi, che concorrono al processo produttivo di più periodi. Tale caratteristica non è intrinseca nel bene, ma è ra...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Le Bussole correlate >