Bussola

Obbligazioni convertibili in azioni

Sommario

Inquadramento | Struttura | Delibera di emissione | L'offerta in opzione ai soci | Il rapporto di cambio | La conversione | Vicende societarie ed obbligazioni convertibili | Altre modificazioni dello statuto | Riferimenti |

 

Si tratta di obbligazioni che attribuiscono (anche) il diritto potestativo di sottoscrivere azioni della società che verranno emesse via via che gli obbligazionisti eserciteranno tale facoltà; la sottoscrizione delle azioni avverrà utilizzando (in base al rapporto di cambio fissato nel regolamento del prestito) le somme versate al momento dell'acquisto delle obbligazioni; l'esercizio del diritto di conversione farà acquistare la qualità di azionista e cessare (nei limiti della conversione, che può riguardare tutte o parte delle obbligazioni) quella di obbligazionista. E' anche possibile prevedere la conversione delle obbligazioni in azioni di altra società (detenute in portafoglio o appositamente sottoscritte): si tratta delle cosiddette obbligazioni convertibili “con procedimento indiretto”. La disciplina delle obbligazioni convertibili, come avremo modo di verificare, è sostanzialmente incentrata sulla considerazione (di Geraci,  L'azione attraverso l'obbligazione. Note in tema di obbligazioni convertibili, in Riv. Soc., 1990, 796) che il legislatore, attraverso questo tipo di obbligazioni, “vede” l'azione. Egli si preoccupa, da un lato, di evitare che l'utilizzo delle obbligazioni convertibili diventi uno strumento per eludere la normativa azionaria; dall'altro di non priva...

Leggi dopo