Bussola

Società quotate

15 Novembre 2017 |

Sommario

Inquadramento | L’assetto normativo di riferimento delle società quotate | I due principi essenziali della disciplina delle società quotate: il principio dell’informazione | (Segue): il principio della trasparenza | La normativa speciale in tema di corporate governance | (Segue): l’assemblea degli azionisti | (Segue): l’organo amministrativo | (Segue): il collegio sindacale | (Segue): la società di revisione incaricata della revisione legale dei conti | (Segue): il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili | (Segue): la funzione di investor relator | Riferimenti |

 

La società quotata è una particolare categoria di società per azioni che fa ricorso al mercato del capitale di rischio per le quali sono previste regole specifiche al fine di garantire la trasparenza degli assetti proprietari, le regole interne di corporate governance, l’informativa sull’andamento patrimoniale, finanziario ed economico. Per tale motivo, alle società quotate, oltre alle norme del Codice Civile, si applicano anche le norme speciali contenute nel D.Lgs. 58/1998 (Testo Unico della Finanza, TUF) e la normativa contenuta nel Regolamento Emittenti adottato dalla Consob con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modificazioni che dà attuazione alle norme contenute nel TUF. Per l’individuazione della nozione di mercato regolamento, occorre fare riferimento al TUF che individua la quotazione in quei mercati che nell’ordinamento nazionale risultano iscritti nell’elenco tenuto dalla Consob, così come prevede l’art. 63, comma 2, TUF (“La CONSOB iscrive i mercati regolamentati in un elenco, curando l’adempimento delle disposizioni comunitarie in materia, e approva le modificazioni del regolamento del mercato”; attualmente i mercati regolamentati - come stabilito dalla delibera Consob n. 17143 del 26 gennaio 2010 – sono: - il Mercato Telematico Azionario (“MTA”) ...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >