La corporate governance in Italia

04 Dicembre 2015 | Assonime | di Assonime (a cura di)

Società quotate

L’autodisciplina in materia di corporate governance è divenuta una prassi sempre più generalizzata nelle società quotate italiane. A fine 2014, a 15 anni dalla prima edizione del Codice di autodisciplina, il 93% degli emittenti presenti nel listino di Piazza Affari hanno dichiarato di aderire ai principi emanati dal Comitato per la Corporate Governance. Il dato è contenuto nell’analisi annuale promossa da Assonime e Emittenti Titoli e condotta da Massimo Belcredi (ordinario di Finanza Aziendale, Università Cattolica del S. Cuore) e Stefano Bozzi (associato di Finanza Aziendale, Università Cattolica del S. Cuore) sulle relazioni sul governo societario e le remunerazioni disponibili al 15 luglio 2015.

Leggi dopo

Risk Outlook: analisi dei trend dei mercati finanziari

01 Dicembre 2015 | Consob | di Alberto Gafforio

Intermediari finanziari

È stato pubblicato il n. 10 del Risk Outlook Consob, documento di analisi dei trend del mercato finanziario italiano e dei principali paesi avanzati.

Leggi dopo

Modifiche delle istruzioni al Regolamento di Borsa Italiana

26 Novembre 2015 | Consob | di Alberto Gafforio

Consob

Intermediari finanziari

Consob, con decisione del 14 ottobre 2015, ha espresso il proprio assenso ad alcune modifiche alle istruzioni al Regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Spa, per le quali l'Autorità per l'energia elettrica, il gas ed i servizi idrici (Aeegsi) ha rilasciato la propria intesa il 29 settembre 2015.

Leggi dopo

Consultazione sulla raccolta del risparmio

24 Novembre 2015 | Banca d'Italia

Banca d'Italia

Intermediari finanziari

La Banca d’Italia, con un Documento pubblicato in data 19 novembre 2015, rende noto l’avvio di una consultazione pubblica in materia di disposizioni sulla raccolta del risparmio dei soggetti diversi dalle banche e la revisione della disciplina secondaria della raccolta del risparmio di cui alla Circolare della Banca d’Italia n. 229 del 21 aprile 1999, emanata in attuazione dell’art. 11 TUB e della deliberazione del CICR del 19 luglio 2005.

Leggi dopo

Azioni speciali e conversione automatica

20 Novembre 2015 | Massime e Studi notarili | di Federico Cornaggia

Categorie speciali di azioni

Il Consiglio Notarile dei Distretti Riuniti di Firenze, Pistoia e Prato prende posizione in tema di azioni fornite di particolari diritti amministrativi (art. 2348, comma 2, c.c.) e loro conversione automatica in azioni ordinarie a seguito di trasferimento a terzi.

Leggi dopo

Aggiornamento dell'elenco dei conglomerati finanziari

16 Novembre 2015 | Consob | di La Redazione

Intermediari finanziari

Consob, Banca d'Italia e Ivass, con decisione del 5.08.2015, hanno aggiornato l'elenco dei conglomerati finanziari italiani, ovvero di quei gruppi societari che svolgono attività in misura significativa sia nel settore assicurativo sia in quello bancario e/o dei servizi di investimento, in conformità all'accordo di coordinamento sottoscritto il 31 marzo 2006.

Leggi dopo

Trasformazione con perdite superiori al capitale sociale

13 Novembre 2015 | Massime e Studi notarili | di Federico Cornaggia

Trasformazione di società di capitali

Il Consiglio Notarile dei Distretti Riuniti di Firenze, Pistoia e Prato con la presente Massima sostiene la liceità della trasformazione (omogenea) di s.p.a. o s.r.l. con perdite superiori al capitale sociale in società di persone senza necessità di preventiva ricapitalizzazione.

Leggi dopo

Consob: pubblicato il Bollettino statistico n° 7

10 Novembre 2015 | Consob | di Alberto Gafforio

Intermediari finanziari

E' stato pubblicato il n° 7 del Bollettino statistico Consob che contiene informazioni sul mercato finanziario italiano, con specifico riferimento ai settori istituzionali di competenza dell'Istituto.

Leggi dopo

Azioni a voto contingentato o scaglionato

04 Novembre 2015 | Massime e Studi notarili | di Federico Cornaggia

Categorie di azioni

Il Consiglio Notarile di Milano con la Massima n. 136 ritiene che qualora il contingentamento o scaglionamento riguardi la totalità delle azioni, non si applichi il limite di cui all'art. 2351, comma 2, c.c. e che sia ben possibile, mediante la creazione di categorie di azioni, limitare il contingentamento o scaglionamento del voto alle sole azioni di categoria. In tale caso occorre rispettare il disposto di cui alla norma citata.

Leggi dopo

Aggiornato l’elenco degli emittenti strumenti finanziari diffusi

30 Ottobre 2015 | Consob | di Alberto Gafforio

Strumenti finanziari partecipativi

La Commissione, con delibera 19298 del 5 agosto 2015, ha aggiornato l'elenco degli emittenti strumenti finanziari diffusi fra il pubblico in misura rilevante, in attuazione dell’art. 108, comma 5, del regolamento emittenti.

Leggi dopo

Pagine