Focus

Focus su Bancarotta fraudolenta

Responsabilità dei componenti degli organi di controllo per reati commessi dagli amministratori esecutivi

08 Febbraio 2018 | di Ciro Santoriello

Bancarotta fraudolenta

Da sempre, negli studi e nelle decisioni giurisprudenziali dedicate agli illeciti propri del diritto penale commerciale si discute dei confini della responsabilità penale dei soggetti – quali ad esempio i componenti del collegio sindacale o gli amministratori senza alcuna delega esecutiva - che, privi di autonomi poteri decisionali e non incaricati di compiti di gestione, svolgono funzioni di controllo e valutazione sulla condotta di quanti siano invece investiti dei suddetti poteri di amministrazione.

Leggi dopo

Concorso tra reati di bancarotta: il punto della giurisprudenza

12 Giugno 2017 | di Iacopo Santinelli

Bancarotta fraudolenta

Il presente lavoro è finalizzato a riassumere sommariamente la posizione fatta propria dalla Giurisprudenza in ordine alle più rilevanti ipotesi di concorso tra i diversi reati di bancarotta.

Leggi dopo

Bancarotta fraudolenta: i rapporti tra condotta distrattiva e dissesto dell’impresa alla luce della giurisprudenza

28 Marzo 2017 | di Iacopo Santinelli

Bancarotta fraudolenta

Oggetto del presente breve lavoro è l’analisi del rapporto tra condotta illecita e dichiarazione di fallimento in tema di bancarotta fraudolenta patrimoniale prefallimentare. Commette tale reato, ai sensi dell’art. 216 l. fall., “se dichiarato fallito”, l’imprenditore che, prima dell'intervento della sentenza di fallimento, abbia distratto, occultato, dissimulato, distrutto o dissipato in tutto o in parte i suoi beni, ovvero - allo scopo di recare pregiudizio ai creditori - abbia esposto o riconosciuto passività inesistenti.

Leggi dopo

Bancarotta documentale fraudolenta e semplice: somiglianze e (spesso trascurate) differenze

02 Febbraio 2017 | di Ciro Santoriello

Bancarotta fraudolenta

Analogamente a quanto previsto con riferimento all'ipotesi di bancarotta patrimoniale anche per la bancarotta documentale il Legislatore differenzia il trattamento sanzionatorio da riservare a variegate forme di inidonea tenuta delle scritture contabili da parte dell'imprenditore. Se infatti l'art. 216, comma 1 n. 2, r.d. 267 del 1942 punisce con la reclusione da tre a dieci anni chi sottrae, distrugge o falsifica, in tutto o in parte, con lo scopo di procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto o di recare pregiudizi ai creditori, i libri o le altre scritture contabili o ...

Leggi dopo

Amministratore di fatto e di comodo: quando rischia il reato di bancarotta

20 Giugno 2014 | di Federico Gavioli

Bancarotta fraudolenta

L’amministratore di fatto non risponde del reato di bancarotta se partecipa ad una singola operazione distrattiva. Infatti, per una condanna di natura penale occorrono una serie di ulteriori elementi che non possono essere circoscritti ad una sola operazione. In questi termini si è pronunciata la Corte di Cassazione con la sentenza del 9 giugno 2014, n. 24051, ritenendo dunque necessari per la condanna a tale tipologia di reato indici sintomatici ulteriori. L'occasione è utile per tracciare un quadro completo, sulla scorta di alcuni recenti orientamenti giurisprudenziali, in relazione al problema dei c.d. amministratori di fatto e amministratori di comodo “teste di legno”, messi ai vertici delle società commerciali.

Leggi dopo

Attenzione alle consulenze del commercialista: se consiglia operazioni fraudolente rischia la bancarotta

09 Maggio 2014 | di Federico Gavioli

Bancarotta fraudolenta

Se il commercialista suggerisce a propri clienti condotte fraudolente rischia pesanti conseguenze di natura penale; la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 16963, del 16 aprile 2014, ha affermato che le annotazioni a mano del commercialista, con cui si suggerisce la realizzazione di operazioni fraudolente all’imprenditore, rappresentano elementi sufficienti per individuare il professionista come effettivo ispiratore della condotta distrattiva e affermare che in realtà egli rivestiva il ruolo di amministratore di fatto della società per la quale offriva le proprie prestazioni.

Leggi dopo