Focus

Focus

Il Codice della crisi e la disciplina civilistica in tema di impresa: novità ed “eterno ritorno”

11 Febbraio 2019 | di Silvia Monti

Liquidazione giudiziale

Lo schema di decreto legislativo recante il “Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza”, definitivamente approvato dal Governo il 10 gennaio scorso, ha inciso, fra l’altro, sulla disciplina dettata dal codice civile in tema di impresa. Di qui, lo spunto per l’analisi critica delle nuove disposizioni che, in parte, sono innovative e, in parte, ripropongono la disciplina an-teriore alla riforma del diritto societario del 2003.

Leggi dopo

Le forme alternative di circolazione delle quote di PMI. L’orizzonte della nuova s.r.l. aperta

08 Febbraio 2019 | di Francesco Licenziato, Fabrizio Rosso

Quote di srl: emissione e circolazione

Il Decreto legge 24 aprile 2017 n. 50 (c.d. Decreto conti pubblici), convertito con modificazioni dalla L. 21 giugno 2017, n. 96, ha posto in essere uno stravolgimento della disciplina afferente alle piccole e medie imprese (PMI) costituite in forma di società a responsabilità limitata. L’intervento normativo in esame, infatti, ha esteso alle c.d. PMI s.r.l. (si tratta, come si vedrà, del maggior numero delle s.r.l.) le deroghe al diritto societario prima riservate alle sole start-up innovative e, successivamente, alle PMI innovative.

Leggi dopo

L’offerta al pubblico delle quote delle PMI: l’equity crowdfunding. L’orizzonte della nuova s.r.l. aperta

07 Febbraio 2019 | di Francesco Licenziato, Fabrizio Rosso

Crowdfunding

Il Decreto Legge 24 aprile 2017 n. 50 (c.d. Decreto conti pubblici), convertito con modificazioni dalla L. 21 giugno 2017, n. 96, ha posto in essere uno stravolgimento della disciplina afferente alle piccole e medie imprese (PMI) costituite in forma di società a responsabilità limitata. L’intervento normativo in esame, infatti, ha esteso alle c.d. PMI s.r.l. (si tratta, come si vedrà, del maggior numero delle s.r.l.) le deroghe al diritto societario prima riservate alle sole start-up innovative e, successivamente, alle PMI innovative.

Leggi dopo

Gli strumenti di allerta e le funzioni dell’organismo di composizione della crisi

04 Febbraio 2019 | di Giuseppe Sancetta, Alessandro Ireneo Baratta, Laura Sicuro

Strumenti di allerta

Il Consiglio dei Ministri, in data 10 gennaio 2019, ha approvato in esame definitivo un decreto legislativo che, in attuazione della L. n. 155/2017 introduce il nuovo Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza. La principale novità costituita dalla legge è quella di consentire, attraverso l’introduzione degli strumenti di allerta e di composizione assistita della crisi d’impresa, una diagnosi precoce dello stato di difficoltà delle imprese e salvaguardare la capacità imprenditoriale di coloro che vanno incontro a un fallimento di impresa dovuto a particolari contingenze.

Leggi dopo

Le proposte di modifica al regime di distribuibilità di utili e riserve per i soggetti IAS/IFRS

29 Gennaio 2019 | di Claudio Sottoriva

Distribuzione degli utili

Con l’inserimento dell’art. 2-bis al testo del D.L. 135/2018, attualmente all’esame delle Commissioni parlamentari per la sua conversione in legge, si introducono alcune modifiche all’attuale regime di distribuzione di utili e riserve per i soggetti che adottano i principi contabili internazionali IAS/IFRS (c.d. “soggetti IAS adopter”).

Leggi dopo

L’esecuzione in forma specifica delle delibere di fusione e scissione

22 Gennaio 2019 | di Saverio Sabatini

Fusione: deliberazione, effetti ed invalidità

In sede di analisi di un caso pratico si affrontano tematiche specifiche ed attuali concernenti la natura della delibera di fusione/scissione, la problematica della c.d. “durata massima” della procedura di fusione/scissione (con esclusivo riferimento al termine dall’iscrizione delle delibere/decisioni di approvazione del progetto alla stipula e iscrizione dell'atto di fusione) e la conseguente esperibilità o meno dell’azione esecutiva ex art. 2932 c.c. in caso di mancata esecuzione dell’operazione straordinaria.

Leggi dopo

Società tra professionisti: alcuni chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

17 Gennaio 2019 | di Fabio Gallio

Società tra professionisti

Con alcune risposte ad istanze di interpello presentate all’Agenzia delle Entrate, sono stati forniti chiarimenti in merito al trattamento fiscale delle società tra professionisti (STP).

Leggi dopo

Le novità della Legge di Bilancio 2019

19 Dicembre 2018 | di Paolo Biancone, Silvana Secinaro, Davide Calandra

Immobilizzazioni materiali

L’amministrazione razionale fondata sul bilancio prevede una fase di programmazione nella quale l’amministratore pubblico pro-tempore prenda le decisioni inerenti alla finanza pubblica per il triennio successivo. Il 12 dicembre è stato convertito in Legge con modificazioni il decreto legge fiscale 119/2018 cd. “collegato fiscale” alla Legge di Bilancio 2019. Il testo è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 293 del 18 dicembre 2018 ed è in vigore dal 19 dicembre.

Leggi dopo

L’iscrizione del contratto di leasing finanziario con il metodo finanziario nel bilancio OIC

17 Dicembre 2018 | di Claudio Sottoriva

Principi contabili

L’Autore analizza l’ipotesi della modificazione dei criteri di rappresentazione in bilancio dei contratti di leasing finanziario, passando dal metodo patrimoniale a quello finanziario previsto dai principi contabili internazionali. In una recente sentenza della CTR Lombardia si fa applicazione del principio della prevalenza della sostanza sulla forma, relativamente ai contratti di locazione finanziaria, sia sotto il profilo della redazione del bilancio di esercizio, che per quanto riguarda il conseguente trattamento tributario.

Leggi dopo

Appunti sull’ammissibilità civilistica della scissione negativa

07 Dicembre 2018 | di Stefano Pasetto

Scissione: disciplina generale

In dottrina, ci si è più volte interrogati sull’ammissibilità civilistica della cd. scissione negativa, vale a dire di quell’operazione con la quale viene assegnato a una beneficiaria un complesso patrimoniale i cui elementi attivi presentano valore contabile complessivamente inferiore rispetto a quello degli elementi passivi con l’effetto che il patrimonio netto contabile trasferito risulta, per l’appunto, contabilmente negativo. Nel presente articolo si passano in rassegna i principali contributi in merito all’ammissibilità della scissione negativa.

Leggi dopo

Pagine