Focus

Focus

I principi contabili nazionali alla luce del D.Lgs. n. 139/15: la bozza di OIC 12

23 Agosto 2016 | di Claudio Sottoriva

Principi di redazione del bilancio

Nell’ambito del progetto di aggiornamento dei principi contabili nazionali, avviato a seguito delle disposizioni contenute nel D.Lgs. n. 139/2015 di recepimento della direttiva 34/2013/UE, l’Organismo Italiano di Contabilità il 4 luglio scorso ha reso pubblica la bozza del principio contabile OIC 12, "Composizione e schemi del bilancio d’esercizio".

Leggi dopo

La Cassazione fa il Legislatore e salva “le valutazioni” nello schema del falso in bilancio

19 Agosto 2016 | di Antonio D'Avirro

False comunicazioni sociali

Con la sentenza delle Sezioni unite n. 22474/2016 del 31 marzo 2016, sembrerebbe che sia stato risolto definitivamente il dibattito sulla rilevanza penale delle valutazioni in tema di falso in bilancio, a seguito della riforma introdotta con la legge 27 maggio 2015 n. 69. Secondo le Sezioni unite sussiste il delitto di false comunicazioni sociale, con riguardo alla esposizione o alla omissione di fatti oggetto di valutazioni se in presenza di criteri di valutazione, normativamente fissati o di criteri tecnici generalmente accettati, l'agente da tali criteri si discosta consapevolmente e senza darne adeguata informazione giustificativa, in modo concretamente idoneo ad indurre in errore i destinatari della comunicazione.

Leggi dopo

L’in house nel nuovo codice dei contratti pubblici: tra continuità e innovazione

29 Luglio 2016 | di Valentina Guerrieri

Società in house

Il nuovo Codice Appalti (D.Lgs. n. 50/2016) affronta trasversalmente, anche se non in maniera esaustiva, la tematica delle società in mano pubblica, manifestando particolare attenzione per la disciplina delle società in house, da un lato, individuando all’art. 5 i requisiti legittimanti gli affidamenti diretti e, dall’altro, introducendo una specifica disposizione (art. 192) volta a limitare la facoltà di affidare in via diretta contratti di lavori, servizi e forniture, nonché ad assicurare un adeguato livello di pubblicità e trasparenza degli affidamenti in house.

Leggi dopo

La bancarotta riparata: quali conseguenze penali?

26 Luglio 2016 | di Ciro Santoriello

Reati fallimentari

Il problema della cosiddetta bancarotta riparata, ovvero della rilevanza da riconoscere al comportamento dell'imprenditore che reintegri in un dato momento la parte del patrimonio che in precedenza aveva distratto e sottratto dal patrimonio dell'impresa da lui gestita, origina dalle incertezze che ruotano intorno ai rapporti tra il reato di bancarotta e la sentenza dichiarativa di fallimento.

Leggi dopo

La riforma del sistema bancario nell’evoluzione normativa

20 Luglio 2016 | di Mario Cavallaro

Crisi bancarie

Il presente contributo è volto ad esaminare le principali innovazioni che, nell'anno appena trascorso, hanno interessato il sistema bancario italiano. Tra le numerose novità, le osservazioni dell'autore si concentrano in particolare sul bail-in, sulla corposa riforma che interessa le banche popolari e quelle di credito cooperativo, sulle conseguenze della Legge di Stabilità, nonché sulle disposizioni a tutela di risparmiatori e obbligazionisti.

Leggi dopo

Riduzione del capitale: il ruolo del piano industriale

20 Giugno 2016 | di Fabrizio Bava, Melchior Gromis Di Trana

Riduzione del capitale sociale per perdite

Il presente contributo illustra come il piano industriale, sebbene spesso ignorato nella prassi delle piccole e medie imprese, sia uno strumento fondamentale non solo in fase di pianificazione strategica, ma anche al fine di una corretta gestione di uno stato di crisi ex artt. 2446 e 2447 c.c. (2482-bis e 2482-ter per le s.r.l.). La sua funzione da un lato giustifica l’utilizzo dei criteri ordinari di valutazione nella redazione della “situazione patrimoniale”, dall’altro deve supportare la proposta degli amministratori affinché i soci deliberino quanto proposto.

Leggi dopo

Riduzione del capitale: struttura e contenuti della relazione sulla situazione patrimoniale

14 Giugno 2016 | di Fabrizio Bava, Melchior Gromis Di Trana

Riduzione del capitale sociale per perdite

Il presente contributo è finalizzato a delineare struttura e contenuti della relazione sulla situazione patrimoniale ex artt. 2446, 2447, 2482-bis e 2482-ter c.c. Tema particolarmente interessante se si considera che per le società non quotate siamo di fronte ad un anomalo silenzio normativo. Silenzio che vista la rilevanza, e purtroppo anche l’attualità del tema, può condurre ad una situazione di rilevante pericolosità se lo strumento informativo risultasse inefficace.

Leggi dopo

Il ruolo dell’informazione nel “nuovo" concordato preventivo

07 Giugno 2016 | di Deborah Gallo

Concordato preventivo

Il D.L. n. 83/2015 ha sensibilmente modificato la disciplina delle procedure concorsuali con particolare riferimento alle disposizioni in materia di concordato preventivo, introducendo il principio della “concorrenza” anche nella fase di proposizione della domanda di concordato. In tale contesto, un ruolo di rilievo è svolto dall’informazione, sia nella fase passiva (mera approvazione di proposte) sia nella fase attiva (proposizione di proposte di concordato concorrenti o di offerte concorrenti).

Leggi dopo

L'amministratore plurisocietario nei gruppi

31 Maggio 2016 | di Marco Pistis, Vincenzo Lena

Responsabilità degli amministratori di s.p.a.

La prassi commerciale di nominare quale amministratore delle diverse società appartenenti al gruppo il medesimo soggetto, onde garantire rapidità nell’esecuzione delle azioni strategiche, flusso costante di informazioni e contenimento dei costi, comporta rilevanti problematiche giuridiche con riferimento al ruolo e alle responsabilità dello stesso. Si analizzeranno il ruolo e i doveri dell’amministratore plurisocietario nei gruppi di società, con particolare riferimento al conflitto di interessi e alla disciplina sulla direzione e coordinamento. Si analizzeranno, inoltre, la disciplina sugli obblighi informativi degli amministratori nei gruppi di società e le correlative responsabilità.

Leggi dopo

Trasferimento della sede sociale all’estero e trasformazione internazionale

24 Maggio 2016 | di Davide Mascagni

Trasformazione internazionale

Il trasferimento della sede sociale, ove l’operazione sia connotata da profili di internazionalità, rappresenta una fattispecie particolarmente articolata. In sintesi, l’ipotesi riguarda il trasferimento in altro Paese, diverso rispetto a quello di costituzione, della sede di una società, al fine di proseguire in detto contesto giuridico-economico l’esercizio dell’impresa. La questione che interessa l’interprete, in assenza di una disciplina sovranazionale uniforme, ha ad oggetto l’esatta individuazione della legge applicabile, tanto all’operazione di mutamento della sede sociale, quanto alle vicende societarie dell’ente all’esito del trasferimento. Di non secondario rilievo appaiono, inoltre, le ricadute operative inerenti le regole formali e di procedura applicabili alla fase di esecuzione della decisione sociale.

Leggi dopo

Pagine