Focus

Focus

Apporti in natura nelle società di capitali e relazione giurata di stima

18 Maggio 2016 | di Jacopo Sodi

Perizia giurata di stima

Si analizza la disciplina degli apporti in natura non imputati a capitale e la necessità della relazione giurata di stima. Definite le differenze con i conferimenti ed i finanziamenti e delineati i tratti della figura, si esaminano varie fattispecie, simili, che escludono ogni necessità di perizia: l’aumento gratuito del capitale, i versamenti a fondo perduto, il c.d. aumento di capitale “per compensazione”, la disciplina degli acquisti “pericolosi” e delle fusioni e scissioni, ed infine la rivalutazione dei beni d’impresa. Tali istituti denotano la fiducia del legislatore verso le scelte degli amministratori in merito all’iscrizione in bilancio di cespiti entrati a far parte del patrimonio sociale a titolo gratuito.

Leggi dopo

Abolizione dell’obbligo di pubblicazione del resoconto intermedio di gestione per le società quotate

05 Maggio 2016 | di Claudio Sottoriva

Società quotate

Il legislatore nazionale è recentemente intervenuto mediante il Decreto Legislativo 15 febbraio 2016, n. 25, per dare attuazione alla Direttiva 2013/50/UE, con la quale è stata modificata, in particolare, la Direttiva 2004/109/CE, sull’armonizzazione degli obblighi di trasparenza riguardanti le informazioni sugli emittenti i cui valori mobiliari sono ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato (c.d. Direttiva Transparency).

Leggi dopo

Socius ad factum precise cogi potest? Diritto societario della crisi e proposte concorrenti

18 Aprile 2016 | di Niccolò Abriani

Concordato preventivo

La nuova disciplina delle proposte concorrenti, introdotta dal D.L. 27 giugno 2015, n. 83, offre un ulteriore importante tassello normativo agli studiosi del diritto commerciale, che da tempo hanno appuntato l’attenzione sulle interferenze tra il diritto della crisi d’impresa e il diritto societario. Particolare interesse riveste l’innovativa regolamentazione delle operazioni straordinarie contenute all’interno delle proposte che i creditori qualificati del debitore in concordato sono legittimati a proporre.

Leggi dopo

Procedure di allerta: organi di controllo e strumenti premiali

13 Aprile 2016 | di Ivan Libero Nocera

Fallimento

Decisiva per il successo del nuovo istituto previsto dallo schema di legge delega elaborato dalla Commissione Rordorf, la previsione di misure premiali per l’imprenditore che ricorra tempestivamente alla procedura e ne favorisca l’esito positivo.

Leggi dopo

La modifica degli obblighi informativi degli emittenti quotati

17 Marzo 2016 | di Claudio Sottoriva

Società quotate

Con l’entrata in vigore a partire dal 18 marzo 2016 del D.Lgs. n. 25/2016, di attuazione della Direttiva 2013/50/UE viene riformata la disciplina relativa agli obblighi informativi degli emittenti. La riforma prevede, tra l’altro, l’abrogazione della rendicontazione trimestrale delle società emittenti, precedentemente prevista dall’art. 154-ter, comma 5, T.U.F.

Leggi dopo

Pignoramento di partecipazioni sociali nella s.r.l.

04 Marzo 2016 | di Ilaria Forestieri

Pignoramento di quote sociali

La questione relativa al pignoramento di partecipazioni sociali è stata oggetto di un intenso dibattito, messo in atto sia dalla dottrina che dalla giurisprudenza, stante il fondamentale rilievo che la problematica assume per la pratica professionale. L’attuale formulazione dell’art. 2471 c.c. rappresenta il prodotto della riforma del 2003 che, nonostante l’intervento modificativo rispetto al regime previgente, ancora oggi non si distingue per il grado di chiarezza nel descrivere le formalità necessarie per il pignoramento di quote e lo stesso può dirsi per gli effetti che da esso discendono.

Leggi dopo

Società benefit: una interessante novità

26 Febbraio 2016 | di Dario Scarpa

Società benefit

Una interessante novità, in tema di diritto societario e dei riflessi sulla concreta prassi, viene dalla possibilità che gli enti societari possano associare al classico scopo di lucro un altro scopo c.d. benefit. In particolare, si segnala che, con la recente legge Stabilità 2016, il legislatore italiano introduce una nuova qualificazione giuridica per le società personali, di capitali e/o cooperative, che perseguono, in aggiunta alle finalità lucrative, obiettivi sociali, da evidenziare in una relazione annuale da rendere pubblica in modo adeguato.

Leggi dopo

Linee guida per l’applicazione degli ISA Italia alle imprese di dimensioni minori

18 Febbraio 2016 | di Claudio Sottoriva

Revisore legale dei conti

Il 17 dicembre 2015 il Consiglio Nazionale dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili ha reso pubblico un documento che aggiorna il precedente documento 2012 dal titolo “L’applicazione dei principi di revisione internazionali (ISA Italia) alle imprese di dimensioni minori” che definisce definire le modalità operative per lo svolgimento dell’attività di revisione legale dei conti.

Leggi dopo

Il fallimento delle società partecipate pubbliche

26 Gennaio 2016 | di Marco Vinicio Susanna

Società partecipate

La legge delega in tema di riforma della pubblica amministrazione, c.d. Legge Madia n. 124/2015, prevede importanti conseguenze per le partecipate pubbliche. Il Legislatore ha ritenuto di perseguire meglio le finalità della legge delega attraverso un testo unico delle partecipate pubbliche, che dovrà portare ad una disciplina armonica delle diverse fattispecie e fornire soluzioni anche in merito al discusso tema dell’assoggettabilità, o meno, al fallimento delle società partecipate pubbliche.

Leggi dopo

Esclusione socio e revoca della facoltà di amministrare nelle società di persone: due fattispecie distinte a confronto

13 Gennaio 2016 | di Tiziana Cappelletti

Amministrazione delle società di persone

Nelle società di persone la posizione di socio, da un lato, e di amministratore, dall’altro lato, sono caratterizzate da presupposti e facoltà tra loro differenti sia nella fase iniziale del loro insorgere che, successivamente, nelle eventuali fasi critiche che portano all’esclusione del socio e/o alla revoca dell’amministratore. L’Autrice si concentra, in particolare, sull’analisi degli artt. 2259 e 2286 c.c. anche alla luce dell’interpretazione giurisprudenziale.

Leggi dopo

Pagine