Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Amministratore di s.p.a., tutela reale in caso di revoca dettata da motivi discriminatori

20 Gennaio 2020 | di Gianluca Tarantino

Cass. 4 dicembre 2019 n. 31660

Amministratori di s.p.a.: nomina, revoca e compensi

L’amministratore di società non può essere revocato allorché la revoca stessa costituisca la risposta ad un’attività di difesa del principio di parità di trattamento, posta in essere in buona fede e correttezza dal soggetto revocato, con il conseguente diritto alla reintegra nella carica (Cass. 4 dicembre 2019 n. 31660).

Leggi dopo

Pegno su quote di s.r.l. costituito con iscrizione nel registro delle imprese

15 Gennaio 2020 | di Vincenzo Papagni

Cass. 27 novembre 2019 n. 31051

Pegno, usufrutto e sequestro di azioni

La costituzione in pegno delle quote di società a responsabilità limitata è soggetta al disposto della norma dell'art. 2806 cod. civ., sicché il diritto di pegno risulta costituito con l'iscrizione del relativo atto nel registro delle imprese (Cass. 27 novembre 2019 n. 31051).

Leggi dopo

Derivati speculativi e deducibilità nella determinazione del reddito di impresa

10 Gennaio 2020 | di Paolo Comuzzi

Cass 12 novembre 2019 n. 29179

Derivati

Il costo portato al conto economico da una impresa industriale a seguito del negativo evolversi di un derivato speculativo non è, almeno in linea di principio, da considerare come un costo deducibile nella determinazione del reddito di impresa e questo per assenza di inerenza ovvero per assenza di una correlazione con la attività dell’impresa stessa e con la generazione di ricavi imponibili (Cass. 12 novembre 2019 n. 29179).

Leggi dopo

La responsabilità dei soci della società estinta per le obbligazioni inadempiute

30 Dicembre 2019 | di Vito Amendolagine

Cass. 6 dicembre 2019 n. 31933

Estinzione delle società di capitali

In tema di effetti della cancellazione di una società di capitali dal registro delle imprese, rispondendo i soci nei limiti di quanto riscosso a seguito della liquidazione, grava sul creditore l’onere della prova circa la distribuzione dell’attivo sociale e la riscossione di una quota di esso in base al bilancio finale di liquidazione (Cass. 6 dicembre 2019 n. 31933).

Leggi dopo

Beni ai soci, integrità del patrimonio sociale e fonte di responsabilità

18 Dicembre 2019 | di Vincenzo Papagni

Cass. 7 novembre 2019 n. 28613

Azione sociale di responsabilità

L'azione ai sensi dell'art. 2394 c.c. può essere proposta dai creditori, o anche solo da un creditore in loro rappresentanza, quando il patrimonio sociale per effetto della/e condotta/e di mala gestio degli amministratori e/o sindaci si dimostra insufficiente al soddisfacimento dei crediti sociali (Cass. 7 novembre 2019 n. 28613).

Leggi dopo

Il rimedio della nullità selettiva e l'intervento equilibratore delle Sezioni Unite

13 Dicembre 2019 | di Riccardo Bencini

Cass. SU 4 novembre 2019 n. 28314

Intermediari finanziari

La nullità per difetto di forma scritta, ai sensi dell'art. 23 c. 3 D.Lgs. 58/98, può essere fatta valere esclusivamente dall'investitore con la conseguenza che gli effetti processuali e sostanziali dell'accertamento operano solo a suo vantaggio. L'intermediario, ove la domanda sia diretta a colpire alcuni ordini di acquisto, può opporre l'eccezione di buona fede, se la selezione della nullità determini un ingiustificato sacrificio economico a suo danno (Cass. SU 4 novembre 2019 n. 28314).

Leggi dopo

Responsabilità dei sindaci per irregolarità delle scritture, criteri per il risarcimento del danno

03 Dicembre 2019 | di Vincenzo Papagni

Cass. 7 novembre 2019 n. 28617

Collegio sindacale di s.p.a.: poteri, doveri e responsabilità

Il giudice di merito, accertato il nesso di causa tra condotta dei sindaci e danno, può ricorrere in via equitativa al criterio della differenza tra il passivo accertato e l'attivo liquidato sempre che il ricorso ad esso sia logicamente plausibile e l'attore abbia allegato un inadempimento astrattamente idoneo a porsi come causa del danno (Cass. 7 novembre 2019 n. 28617).

Leggi dopo

Trasferimento di azioni e tutela dell’acquirente

27 Novembre 2019 | di Gianluca Tarantino

Cass. 12 settembre 2019 n. 22790

Società di capitali

La differenza tra l'effettiva consistenza quantitativa del patrimonio sociale rispetto a quella indicata nel contratto, incidendo sul valore delle azioni o delle quote, può integrare la mancanza delle qualità essenziali della cosa e rendere ammissibile la risoluzione del medesimo contratto di cessione ai sensi dell'art. 1497 c.c. (Cass. 12 settembre 2019 n. 22790).

Leggi dopo

Sindaci e amministratori responsabili di mala gestio: primi chiarimenti dalla Cassazione sul CCI

14 Novembre 2019 | di Federico Gavioli

Cass. 30 settembre 2019 n. 24431

Crisi d'impresa e insolvenza

Gli amministratori e i sindaci dell’azienda poi fallita rispondono della mala gestio. Secondo quanto previsto dal CCI, gli amministratori, in caso di accertamento della responsabilità e fatta salva la prova di un diverso ammontare, sono tenuti a risarcire il danno in misura pari alla differenza tra il patrimonio netto al momento dell’apertura della procedura di liquidazione giudiziale e il patrimonio netto al momento in cui si è verificata una delle cause di scioglimento.

Leggi dopo

Prestanome e amministratore di fatto: chi risponde dell'evasione?

04 Novembre 2019 | di Federico Gavioli

Cass. pen. 28 agosto 2019 n. 36474

Amministratori di fatto

Il prestanome di una società non è responsabile per l'evasione dell'IVA se non è dimostrato il dolo specifico (Cass. pen. 28 agosto 2019 n. 36474).

Leggi dopo

Pagine