Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Bancarotta fraudolenta

I compensi dell’amministratore di società fallita, tra bancarotta preferenziale e per distrazione

04 Giugno 2018 | di Marco Marzari

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

Integra il reato di bancarotta preferenziale, laddove sussista violazione della par condicio creditorum, e non per distrazione, la condotta dell’amministratore della società fallita che abbia soddisfatto il proprio credito per compensi e rimborsi spese, quando di tali importi sia accertata la congruità.

Leggi dopo

Il “crac Cirio”: il punto della Cassazione sui reati di bancarotta

11 Maggio 2018 | di Enrico Corucci

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

Nel reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale il fallimento costituisce una condizione obiettiva di punibilità ed è pertanto estraneo alla sfera di volizione del soggetto agente; l’elemento soggettivo del reato è costituito dal dolo generico, per la cui sussistenza non è necessaria la volontà di cagionare il dissesto né la consapevolezza dello stato di insolvenza dell’impresa né ancora lo scopo di recare pregiudizio ai creditori, essendo sufficiente la consapevole volontà di dare al patrimonio sociale una destinazione diversa da quella di garanzia delle obbligazioni contratte sì da determinare un pericolo di danno per i creditori.

Leggi dopo

L’avviamento quale oggetto del reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale

05 Ottobre 2017 | di Enrico Corucci

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

In ordine al reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale non è suscettibile di distrazione l’avviamento commerciale dell’azienda se, contestualmente, non sia stata oggetto di disposizione anche l’azienda medesima o quanto meno i fattori aziendali in grado di generare l’avviamento...

Leggi dopo

Condotte distrattive e condotte restitutorie antecedenti la dichiarazione di fallimento

25 Agosto 2017 | di Marco Marzari

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

La condotta restitutoria, da parte dell’amministratore della società, atta a reintegrare il patrimonio dell’impresa depauperato da una precedente attività distrattiva dei beni della stessa, può essere efficacemente posta in essere fino al momento della dichiarazione di fallimento

Leggi dopo

Compensi all'amministratore di una società in dissesto: bancarotta fraudolenta, non preferenziale

28 Luglio 2017 | di Andrea Nocera

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

La percezione da parte di un soggetto che rivesta ruoli di gestione di una società (quale, ad esempio, il presidente del consiglio di amministrazione ovvero l'amministratore delegato) di somme per compensi spettanti agli amministratori, ancorchè la società versi in uno stato di dissesto, configura in ogni caso una ipotesi di bancarotta fraudolenta per distrazione?

Leggi dopo

L’elemento soggettivo del reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale

16 Giugno 2017 | di Enrico Corucci

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

L’elemento soggettivo del delitto di bancarotta fraudolenta per distrazione è costituito dal dolo generico, per la cui sussistenza non è necessaria la consapevolezza dello stato di insolvenza dell'impresa, né lo scopo di recare pregiudizio ai creditori, essendo sufficiente la consapevole volontà di dare al patrimonio sociale una destinazione diversa da quella di garanzia delle obbligazioni contratte sì da determinare un pericolo di danno per i creditori.

Leggi dopo

Dichiarazione di fallimento: la Cassazione riconosce la funzione di condizione oggettiva di punibilità

23 Maggio 2017 | di Niccolò Bertolini Clerici

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

Nell’ambito dei reati fallimentari, la dichiarazione di fallimento ha funzione di mera condizione oggettiva di punibilità ai sensi dell’art. 44 c.p., determinando anche il dies a quo della prescrizione e radicando la competenza per territorio.

Leggi dopo

La bancarotta fraudolenta per distrazione tra società collegate o infragruppo

09 Maggio 2017 | di Marco Marzari

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

In tema di reati fallimentari, la distrazione di somme di denaro della società fallita verso altre società appartenenti allo stesso gruppo integra condotta illecita penalmente rilevante sotto il profilo del reato di bancarotta fraudolenta per distrazione, ogni qualvolta avvenga senza idonee garanzie ovvero in mancanza di vantaggi compensativi per la fallita.

Leggi dopo

Rilevanza penale delle condotte post concordatarie dell’amministratore

16 Febbraio 2017 | di Stefano Morri, Francesco Rubino

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

La scriminante prevista dall’art. 217-bis, comma 1, l. fall. per le operazioni spoliative del patrimonio sociale compiute dopo l’ammissione al concordato preventivo opera limitatamente alle ipotesi di bancarotta preferenziale di cui all’art. 216, comma 3, l. fall. e di bancarotta semplice ai sensi dell’art. 217 l. fall. e non anche quando si ravvisino fatti configuranti delitto di bancarotta fraudolenta patrimoniale ex art. 216 l. fall.

Leggi dopo

La responsabilità concorrente dei sindaci nei reati di bancarotta fraudolenta

13 Ottobre 2016 | di Marco Marzari

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

Nei reati di bancarotta fraudolenta, i membri del collegio sindacale della società fallita rispondono, in concorso con gli amministratori, in virtù dell’omesso controllo sulla gestione societaria da parte di questi ultimi, quando per le modalità e le circostanze di fatto sia configurabile in tale omissione il dolo eventuale. La mancanza di requisiti o qualità soggettive per la validità formale della nomina a sindaco di una società, non fa venir meno la responsabilità penale di quest’ultimo quando ne abbia comunque esercitato le funzioni.

Leggi dopo

Pagine