Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Scissione negativa e valutazione dell’insolvenza della società scissa e di quella beneficiaria

23 Aprile 2014 | di Danilo Galletti

Cass. Civ.

Scissione: opposizione dei creditori

Non è ammissibile la scissione mediante assegnazione a società neocostituita di elementi dell’attivo e del passivo della società scissa aventi valore negativo.

Leggi dopo

Fallimento di società ‘estinta’ e legittimazione processuale

10 Marzo 2014 | di Francesco Cordopatri

Cass. Civ.

Fallimento

Nel procedimento per la dichiarazione di fallimento di una società di capitali cancellata dal registro delle imprese la legittimazione al contraddittorio spetta al liquidatore, poiché, pure implicando la cancellazione la estinzione della società ai sensi dell’art. 2495 c.c., nondimeno entro il termine di un anno da tale evento è ancora possibile, ai sensi dell’art. 10 l. fall., che la società venga dichiarata fallita per l’insolvenza manifestatasi anteriormente alla data di cancellazione o comunque nell’anno successivo.

Leggi dopo

Decorrenza del limite temporale per il fallimento in estensione del socio illimitatamente responsabile

04 Marzo 2014 | di Federica Commisso

Corte d'appello di Bari

Fallimento in estensione

La decorrenza del limite temporale per il fallimento in estensione del socio illimitatamente responsabile, ex art. 147 l. fall., coincide con il momento in cui il socio ha osservato le formalità per rendere noto ai terzi il suo recesso, e quindi con la relativa pubblicazione nel registro delle imprese.

Leggi dopo

Rapporto causale fra la condotta distrattiva ed il dissesto dell’impresa

21 Febbraio 2014 | di Giorgio Egidi

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

La bancarotta fraudolenta patrimoniale è reato di pericolo per cui è irrilevante, ai fini della configurabilità del reato, la sussistenza di un rapporto causale fra la condotta distrattiva ed il fallimento.

Leggi dopo

La bancarotta impropria da reato societario e la bancarotta semplice per mancata richiesta del proprio fallimento

14 Febbraio 2014 | di Enrico Corucci

Cass. Pen.

Fallimento

Ai fini della sussistenza del delitto di bancarotta impropria di cui all’art. 223, comma 2, n. 1), l. fall., è necessario che il reato societario abbia cagionato od aggravato il dissesto della società fallita e che si sia perfezionato anche nel suo elemento soggettivo

Leggi dopo

La nozione mobile di ente pubblico ex art. 1 l. fall.

11 Febbraio 2014 | di Francesco Vignoli

Tribunale di Benevento
Tribunale di Latina

Società partecipate

Le società di diritto privato, partecipate da Amministrazioni locali che esercitano un’attività di interesse pubblico, possono accedere all’istituto del concordato preventivo, qualora il loro modello societario non preveda penetranti controlli da parte dell’Ente-socio, lo statuto consenta anche l’esercizio di attività lucrative non rientranti nella nozione di servizio pubblico e gli organi amministrativi non siano di nomina politica.

Leggi dopo

Fallimento di società esercente pubblico servizio con contestuale apertura di esercizio provvisorio

28 Gennaio 2014 | di Franceso Angeli

Tribunale di Siracusa

Fallimento

Il Tribunale Fallimentare deve disporre l’apertura dell’esercizio provvisorio dell’impresa in presenza del grave danno che deriverebbe alla collettività dall’interruzione di un servizio pubblico essenziale.

Leggi dopo

Pagine