Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Il nuovo falso in bilancio

07 Luglio 2016 | di Gabriele Minniti

Cass. Pen.

False comunicazioni sociali

La mancata esposizione nel bilancio di poste attive e passive effettivamente esistenti nel patrimonio della società rappresenta un fatto certamente riconducibile allo schema della nuova incriminazione del reato di false comunicazioni sociali delle società quotate, anche qualora si propenda per un’interpretazione restrittiva della nozione di “fatti materiali”.

Leggi dopo

Revoca ingiustificata delle deleghe all'amministratore e risarcimento del danno

30 Giugno 2016 | di Martino Liva

Cass. Civ.

Amministrazione delegata

La delibera con cui il consiglio di amministrazione revoca i poteri conferiti ad uno degli amministratori deve essere assistita da "giusta causa", anche in applicazione analogica dell'art. 2383, comma 3, c.c.; in caso contrario, non costituendo tale revoca un atto di organizzazione insindacabile, deve essere riconosciuto all'amministratore le cui deleghe sono state revocate, il diritto al risarcimento dei danni eventualmente patiti.

Leggi dopo

Diritto di controllo del socio nelle s.r.l.

27 Giugno 2016 | di Dario Scarpa

Tribunale di Napoli

Controllo interno nella s.r.l.

Il controllo attivo del socio sulla governance non può soffrire limitazioni, estendendosi a tutti i libri sociali ed ai documenti relativi all’amministrazione, anche se presenti presso terzi. Al riguardo non si può impedire al socio di prendere visione ed estrarre copie di ogni documento societario, in ragione del fatto che il socio si pone come soggetto intraneo all’ente rispetto al quale non può valere alcuna esigenza di riservatezza propria della compagine partecipata.

Leggi dopo

Violazione del dovere di vigilanza e responsabilità del collegio sindacale

21 Giugno 2016 | di Valentina Compiani

Cass. Civ.

Revisore legale dei conti

I membri del collegio sindacale di una società quotata, avente ad oggetto attività di investimento hanno il dovere di vigilare sugli organi amministrativi e gestionali, di verificare l'adeguatezza delle metodologie finalizzate al controllo interno della società stessa e l’obbligo di denunciare alla Consob eventuali irregolarità, pena il rischio di essere sanzionabili a titolo di concorso omissivo.

Leggi dopo

Revoca cautelare degli amministratori di s.r.l.

13 Giugno 2016 | di Alberto Molgora

Tribunale di Milano

Amministratori di s.r.l.

Come noto, la norma di cui all’art. 2476, comma 3, c.c., consente al singolo socio la richiesta di un provvedimento cautelare di revoca dell’amministratore, ove questi si sia reso responsabile di “gravi irregolarità”, intese quali violazioni di legge o di statuto anche solo potenzialmente foriere di danno per la società e che l’attualità o la permanenza di tali comportamenti determini il rischio di un pregiudizio imminente ed irreparabile per l’interesse sociale.

Leggi dopo

Intestazione fiduciaria di quota e clausola di prelazione

16 Maggio 2016 | di Angelo Lauria

Cass. Civ.

Quote di srl: emissione e circolazione

L'intestazione fiduciaria di quote di partecipazione societaria integra gli estremi dell'interposizione reale di persona, per effetto della quale il fiduciario ne acquista la titolarità, pur essendo, in virtù del rapporto interno avente natura obbligatoria stipulato con il fiduciante, tenuto ad osservare un certo comportamento nonché a ritrasferire i titoli a quest'ultimo ad una scadenza convenuta, ovvero al verificarsi di una situazione che determini il venir meno del rapporto fiduciario.

Leggi dopo

Azione ex art. 2394 c.c.: caratteri generali e termini di prescrizione

09 Maggio 2016 | di Andrea Paganini

Cass. Civ.

Azioni di creditori e organi di procedure concorsuali verso amministratori

In tema di decorrenza del termine di prescrizione, l’azione di responsabilità ex art. 2394 c.c. può essere proposta dai creditori sociali – e per essi dal curatore del fallimento – dal momento in cui l’insufficienza del patrimonio sociale al soddisfacimento dei crediti risulti da qualsiasi fatto che possa essere conosciuto, non richiedendosi a tal fine che essa risulti da un bilancio patrimoniale approvato dall’assemblea.

Leggi dopo

La responsabilità del cessionario di un ramo di azienda

03 Maggio 2016 | di Luca Jeantet, Martina Romani

Cass. Civ.

Cessione di ramo d'azienda

In caso di cessione di ramo d'azienda, il bilanciamento previsto dall’art. 2560, comma 2, c.c., tra la tutela dell’affidamento dei creditori e dell’interesse economico collettivo alla facilità di circolazione aziendale, si realizza ritenendo che l’acquirente di un ramo di azienda risponde dei debiti pregressi risultanti dai libri contabili obbligatori, a condizione che siano inerenti alla gestione del ramo d'azienda ceduto.

Leggi dopo

Fusione per incorporazione e responsabilità da reato degli enti: tra diritto civile e diritto sanzionatorio-amministrativo

26 Aprile 2016 | di Andrea A. Salemme

Cass. Pen.

Responsabilità amministrativa degli enti ex d.lgs. 231/2001

In tema di responsabilità da reato degli enti, nel caso di fusione per incorporazione, la società incorporante può sottrarsi agli effetti pregiudizievoli del sequestro finalizzato alla confisca disposto nei confronti della società incorporata qualora alleghi la propria estraneità al fatto di reato consumatosi in seno a quest’ultima, per non avervi partecipato e comunque per non averne ritratto alcun vantaggio od alcuna utilità e la propria buona fede.

Leggi dopo

Singoli ordini di investimento e requisiti di forma

22 Aprile 2016 | di Antonio Cavallo

Cass. Civ.

Intermediari finanziari

Le operazioni di investimento in strumenti finanziari, in assenza del contratto quadro d’intermediazione finanziaria, sono da considerarsi nulle ex art. 23 T.U.F. Mentre i singoli ordini di investimento, accertata la sottoscrizione e validità del contratto quadro e l’assenza di particolari forme prescritte dallo stesso, pur avendo natura negoziale, possono esser dati in forma libera.

Leggi dopo

Pagine