Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Finanziamenti dei soci di s.r.l.

07 Ottobre 2015 | di La Redazione

Finanziamenti e apporti spontanei dei soci

Nel 2014, per aiutare una s.r.l. che aveva necessità di sopperire a una temporanea fase di illiquidità, i soci, rispondendo a una precisa richiesta dell’organo amministrativo, decisero di erogare finanziamenti, a titolo infruttifero, che potevano essere restituiti quando le risorse della società lo avessero consentito. Attualmente la situazione è molto diversa rispetto al passato e la liquidità della società consentirebbe di procedere ad una restituzione, almeno parziale, dello stesso. Possiamo procedere con il rimborso o esistono limiti all’operazione?

Leggi dopo

Fallimento di s.n.c., dei soci e soddisfazione dei creditori particolari

23 Settembre 2015 | di Mariacarla Giorgetti, Matteo Lorenzo Manfredi

S.N.C.

Fallimento di una s.n.c. e dei soci. Viene liquidato l'attivo sociale ad eccezione di un'autovettura ed al recupero di un credito in forza di sentenza passata in giudicato. L'attivo conseguito consente il pagamento dei creditori sociali nonché dei debiti e spese in prededuzione. Ricorre l'ipotesi del n. 2 dell'art. 118 l. fall.? I creditori particolari dei soci possono trovare soddisfazione con l'attivo conseguito dal fallimento di ogni singolo socio o è escluso un qualsivoglia riparto in loro favore conseguente alla chiusura del fallimento sociale? Il residuo attivo conseguito dal fallimento di ogni socio (trattenute stipendi, acquisizioni conti e depositi) andrebbe quindi restituito ai singoli soci?

Leggi dopo

Il programma di liquidazione nel fallimento di s.n.c. e dei soci illimitatamente responsabili

14 Settembre 2015 | di Daniele Fico

S.N.C.

Nel fallimento di una s.n.c., nel programma di liquidazione - punto relativo all’attivo fallimentare - devo includere anche il patrimonio dei soci illimitatamente responsabili o solo il patrimonio societario in quanto per i soci dovrò predisporre un altro programma di liquidazione?

Leggi dopo

Aumento del capitale sociale e compensazione del credito del socio

04 Agosto 2015 | di Daniele Fico

Capitale sociale

E’ possibile aumentare il capitale sociale di una s.r.l. con compensazione del credito vantato dal socio verso la società? In caso affermativo, è necessaria la perizia giurata per di stima del credito del socio oggetto di compensazione?

Leggi dopo

Prededucibilità dei compensi del liquidatore sociale nominato dopo l’ammissione al concordato preventivo

07 Luglio 2015 | di Ivan Libero Nocera

Concordato preventivo

Sono prededucibili i crediti per compensi maturati dal liquidatore sociale nominato in un momento successivo all'ammissione della società a concordato preventivo poi sfociato, senza soluzione di continuità, in fallimento?

Leggi dopo

Scioglimento ex art. 169-bis l.fall. dei contratti bancari

02 Luglio 2015 | di Ivan Libero Nocera

Concordato preventivo

È possibile sciogliere ai sensi dell’art. 169-bis l.fall. i contratti bancari in cui la banca ha già interamente eseguito la propria prestazione?

Leggi dopo

Costituzione di una s.r.l. a struttura personale

02 Luglio 2015 | di Enrico Civerra

S.R.L.: disciplina generale

Si deve costituire una società a responsabilità limitata. E’ intenzione dei soci limitare il più possibile il ricorso alle formalità organizzative proprie della struttura organica delle società di capitali. Quali suggerimenti possono essere dati per una migliore costruzione dello statuto sociale?

Leggi dopo

La scissione asimmetrica come tecnica di risoluzione di una controversia tra soci

19 Giugno 2015 | di Enrico Civerra

Scissione d'azienda

A seguito del decesso di un imprenditore agricolo, l’azienda viene ereditata dai figli i quali, per proseguire nella gestione, hanno costituito una società a responsabilità limitata. Dopo poco tempo, però, si creano, tra i figli, gravi dissidi circa il modo più corretto di condurre l’attività che li porta, dopo lunghe discussioni, a decidere di “separarsi”: alcuni proseguiranno nella conduzione dei fondi rustici e altri gestiranno le proprietà immobiliari sempre di provenienza ereditaria e confluite nella società. Quale potrebbe essere la soluzione più corretta sotto il profilo giuridico per attuare la volontà dei soci?

Leggi dopo

Concordato liquidatorio con affitto d’azienda: compensazione di crediti anteriori con canoni di locazione

11 Giugno 2015 | di Mariacarla Giorgetti, Matteo Lorenzo Manfredi

Concordato preventivo

Una società presenta domanda di concordato in bianco e, successivamente, presenta un piano liquidatorio con affitto di azienda e contratto estimatorio con un unico soggetto. Prima del deposito del piano la società affittuaria acquista da un creditore della società concordataria l'intero credito da quest'ultimo vantato nei confronti della procedura. A quel punto la società affittuaria, nuova titolare del credito, pretende di compensare tale credito con i propri debiti derivanti dai canoni di locazione e dall'acquisto della merce di cui al contratto estimatorio. Si ritiene tuttavia che il credito acquistato, sorto anteriormente al deposito della domanda di concordato non sia compensabile con debiti divenuti esigibili successivamente alla stessa, trattandosi infatti di credito inesigibile ai sensi dell'art. 168 l. fall., difetta uno dei presupposti richiesti dall'art. 1243 c.c. per la compensazione legale. Considerato che poi la società ammessa al concordato è stata dichiarata fallita in quanto non sono state raggiunte le maggioranze di legge, tale divieto di compensazione resta fermo oppure la successiva dichiarazione di fallimento elimina lo "spartiacque" dell'art. 168 l. fall. stabilito dalla precedente domanda di concordato?

Leggi dopo

Aumento del capitale sociale, esercizio del diritto di opzione e diversa valorizzazione dei conferimenti: il c.d. “socio a titolo gratuito” nella s.r.l.

05 Giugno 2015 | di Enrico Civerra

Aumento di capitale sociale a pagamento

Una società a responsabilità limitata con due soci paritari deve procedere ad un aumento del capitale da liberarsi mediante conferimento di beni in natura. E’ possibile prevedere che l’aumento sia sottoscritto dai soci in parti uguali, ma che il conferimento venga effettuato solo da uno dei due con effetti liberatori anche per l’altro?

Leggi dopo

Pagine