Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Socio illimitatamente responsabile di s.n.c., astrattamente fallibile, e procedura di sovraindebitamento

03 Marzo 2015 | di Mariacarla Giorgetti, Matteo Lorenzo Manfredi

S.N.C.

L’ex socio illimitatamente responsabile di una s.n.c., fallito in estensione, una volta che il fallimento della s.n.c. ed il suo si siano chiusi per insufficienza dell’attivo, è legittimato a richiedere l’ammissione alla procedura da crisi da sovraindebitamento di cui alla L. 27 gennaio 2012, n. 3? Il dubbio sorge dalla circostanza che, qualora sopraggiungano nuove attività al proprio patrimonio, detto socio potrebbe ipotizzare e concretamente chiedere la riapertura del proprio fallimento per sgravarsi da taluni debiti (ad esempio verso il fisco). Detto soggetto, quindi, è "assoggettabile" al fallimento: deve quindi ritenersi escluso dall’ambito di applicazione della procedura da sovraindebitamento, che per espressa lettera di legge richiede la “non assoggettabilità” a fallimento? In base ad alcuni spunti dottrinali, tuttavia, sembrerebbe esistere un'opzione interpretativa secondo cui la procedura di cui alla L. 3/2012 sarebbe applicabile in realtà anche a soggetti astrattamente fallibili.

Leggi dopo

Compensazione dei crediti professionali con debiti verso la società fallita

26 Febbraio 2015 | di Daniele Fico

Fallimento

Un creditore professionista intende compensare con suoi debiti il credito che vanta per prestazioni effettuate a favore della fallita. Se nell'esame dello stato passivo curatore e giudice riconoscono la compensazione, il curatore dovrà provvedere a versare la ritenuta sugli onorari compensati?

Leggi dopo

Efficacia retroattiva delle regole sulle società estinte

23 Febbraio 2015 | di La Redazione

Registro delle imprese

La novità introdotta dal Legislatore con il Decreto Semplicazioni ha validità anche sulle società estinte già cancellate dal Registro delle Imprese nel corso del 2015. In sostanza la normativa può avere un effetto retroattivo?

Leggi dopo

Effetti del concordato liquidatorio di una società nei confronti dei soci illimitatamente responsabili

29 Gennaio 2015 | di Mariacarla Giorgetti, Matteo Lorenzo Manfredi

Concordato preventivo

Gli effetti del concordato preventivo liquidatorio, nell’ambito della procedura che interessa una società di persone, si estendono anche ai soci illimitatamente responsabili, posto che nel piano concordatario si devono indicare tutti i beni dei soci, ex art. 147 l. fall., ed i relativi debiti personali?

Leggi dopo

Revisore contabile e cessazione anticipata dall'incarico

22 Dicembre 2014 | di La Redazione

Revisore legale dei conti

Il revisore contabile di una società, che per motivi personali si dimetta dall’incarico, entro quale termine deve comunicare all’Autorità di Vigilanza la cessazione anticipata?

Leggi dopo

Concordato preventivo e liquidazione dell'IVA per cassa

22 Dicembre 2014 | di Mariacarla Giorgetti, Matteo Lorenzo Manfredi

Concordato preventivo

Una società si avvale del nuovo regime della liquidazione dell'IVA per cassa introdotto dall'art. 32-bis DL 83/2012. Il differimento dell'esigibilità dell'IVA è limitato nel tempo, in quanto dopo un anno dall'effettuazione dell'operazione l'imposta diviene comunque esigibile a meno che l'acquirente non sia assoggettato a procedura concorsuale. L'Agenzia delle Entrate ha emesso la circolare 44/E del 26 novembre 2012 in base alla quale la procedura concorsuale si considera avviata nel momento in cui è emesso il provvedimento di apertura della procedura. Può considerarsi tale il decreto ex art. 161, comma 6, l.fall.? Diversamente, infatti, se si fa riferimento al decreto ex art. 163 l. fall., la norma sulla sospensione non sarebbe di fatto inapplicabile ai concordati preventivi?

Leggi dopo

I redditi da STP

19 Dicembre 2014 | di La Redazione

Società tra professionisti

Un professionista che intenda costituire con altri soggetti una società tra professionisti deve assoggettare i propri redditi alla ritenuta di acconto?

Leggi dopo

Adempimenti fiscali di s.r.l. dichiarata fallita con esercizio provvisorio e successiva revoca del fallimento

16 Dicembre 2014 | di Daniele Fico

S.R.L.: disciplina generale

In data 1 aprile 2014 il Tribunale dichiarava il fallimento di una S.r.l. precedentemente ammessa ad una procedura di concordato preventivo, disponendo l’esercizio provvisorio. In data 1 luglio 2014 la Corte di appello revoca il fallimento (con sentenza nelle more passata in giudicato) riammettendo la società al concordato. Quali sono gli obblighi fiscali in capo al curatore fallimentare (considerando che il fallimento e il relativo esercizio provvisorio sono terminati nel corso dell’anno 2014)?

Leggi dopo

Collegio sindacale obbligatorio nelle SRL

14 Ottobre 2014 | di La Redazione

S.R.L.: disciplina generale

Alla luce delle modifiche introdotte dal legislatore con il cd. Decreto competitività 2014 che ha disposto importanti novità e semplificazioni di carattere fiscale e societario per le imprese, è possibile sapere quali sono le casistiche in cui nelle società a responsabilità limitata è ancora obbligatoria la nomina del collegio sindacale?

Leggi dopo

Diritto di voto per i fideiussori non escussi

13 Ottobre 2014 | di Ivan Libero Nocera

Concordato preventivo

Nell'ambito di un concordato preventivo, i fideiussori, soci della impresa concordataria avente la forma di s.r.l., hanno diritto di voto ex art. 174 l. fall.? Si consideri che, nella specie, trattasi di fideiussori che hanno rilasciato garanzie personali verso banche creditrici chirografarie. Peraltro, trattasi di fideiussori non escussi (cioè che non hanno soddisfatto le ragioni creditorie, essendo tuttavia notificatari di precetti per decreti ingiuntivi non opposti).

Leggi dopo

Pagine